chi sia-mo
La tua Urban spa nel cuore di Udine
Il Mondo della Bellezza nasce a Udine nel 2003 dall’esperienza di Mara Mincuzzi.
Oggi è una Urban spa specializzata in benessere, dimagrimento, estetica e depilazione e ti accoglie in un ambiente confortevole e professionale. Grazie agli anni di esperienza, il centro ha sviluppato competenze sempre più specifiche e approfondite che l’hanno reso un valido e importante punto di riferimento del settore. Offre servizi e trattamenti sempre all’avanguardia e vicino alle necessità della sua clientela, scegliendo sempre prodotti altamente performanti che verranno utilizzati da uno staff altamente qualificato. Luce pulsata, depilazione permanente, depilazione, depilazione udine.
Leggi di più
ORA-RIO
Telefono: 0432 503529 Richiedi un appuntamento
Lunedì 13.00 - 18.00 / Martedì - Giovedì 9.30 - 19.30
Mercoledì - Venerdì 9.00 - 18.30 / Sabato 9.30 - 17.00
MAGAZINE
TRATTAMENTI
icon-service-05
Trattamenti professionali
icon-service-06
Trattamenti estetica
icon-service-06
Trattamenti dimagranti
NEWS
Resta aggiornato con le nostre news
29
Nov
Posted by il mondo della bellezza / Blog / 0 Comments
29
Set
Posted by il mondo della bellezza / Blog / 0 Comments
Fotoepilazione: Cos’è e come funziona il processo che può portare ad una riduzione permanente dei peli, esponendoli ad impulsi di luce molto intensa. La luce laser ha la proprietà di scaldare ogni elemento provvisto di cromoforo (sostanza che conferisce colore all’elemento stesso in misura maggiore o minore in base alla tonalità di colore).  Ciò significa che un elemento molto scuro illuminato da luce laser si scalderà molto, mentre uno contenente poco colore, a parità di intensità di irradiazione, si scalderà molto poco (ad esempio effetto calore auto nera e auto bianca esposte al sole). Stiamo parlando di un processo fisico chiamato “fototermolisi selettiva”, in cui l’energia luminosa viene trasformata in energia termica solo dai cromofori. Il cromoforo importante e fondamentale nel caso della fotoepilazione è un pigmento chiamato melanina.  La melanina è contenuta nella struttura del pelo e ne determina la colorazione. Illuminando il pelo si ottiene un suo surriscaldamento, che affinchè possa essere determinante ai fini di ottenere un’epilazione permanente, deve raggiungere i 70-80°. Cosa accade al pelo in seguito al surriscaldamento? Dopo circa 10-15 giorni il pelo cade. Dopo un’apparente crescita il pelo colpito, distrutto dal calore, fuoriesce dal follicolo e cade. Un altro fattore imprescindibile per la riuscita del trattamento è che il pelo si trovi in una determinata fase del proprio ciclo vitale, la cosiddetta fase Anagena: durante questo momento della sua vita il pelo cresce, per cui è nato da poco e il bulbo pilifero alla sua base è in diretto contatto con la propria papilla generativa, da cui riceve nutrimento attraverso i vasi sanguigni. Solo nella fase Anagena il pelo illuminato, aumentando all’istante la propria temperatura, riesce a bruciare con il calore prodotto la papilla generativa, che così non sarà più in grado di riprodurre un nuovo pelo. I peli invece, che al momento del trattamento si trovano già nelle fasi successive (catagen e telogen), e quindi non presentano più il contatto con la papilla generativa, vengono in ogni caso surriscaldati, ma lo shock termico non raggiungerà la papilla. L’effetto, in questo caso sarà la caduta del pelo ma non la sclerotizzazione della matrice. Come risultato di una seduta di fotoepilazione si può per cui prevedere che i peli delle zone trattate cadano tutti a causa dello shock termico inflitto, ma ciò non significa che gli stessi abbiano sclerotizzato tutte le papille generative. Questo è il motivo per cui la fotoepilazione ha come effetto la riduzione progressiva dei peli ed è quindi necessario ripetere le sedute fino ad ottenere il risultato desiderato.  Ciò è dovuto al fatto che i peli nascono, vivono e muoiono in momenti diversi indipendentemente l’uno dall’altro. Sarà noto il caso di ricrescita dei peli a 1/2 settimane dalla ceretta: non sono i peli estratti a crescere ma quelli che erano già in gestazione e non ancora spuntati. L’ideale e quindi ottimizzare i trattamenti di fotoepilazione facendo in modo che la seduta venga svolta per una quantità non solo soddisfacente di peli, ma facendo anche il possibile, affinchè essi si trovino nella fase idonea a raggiungere lo scopo. Questa situazione ideale è quella che realizza dopo la ceretta fino alle 4/8 settimane successive. Attendere ulteriormente significherebbe ridurre notevolmente l’efficacia fino vanificare una seduta di fotoepilazione. Fondamentale è anche la colorazione della pelle al momento della seduta: il colore della nostra pelle è dovuto, tra le altre sostanze, alla presenza di melanina, che è responsabile dell’abbronzatura della pelle quando ci esponiamo il sole, donandoci il colorito tanto apprezzato. Sappiamo anche, da quanto detto prima, che la melanina irradiata dalla luce laser si scalda. Il momento ideale quindi per un trattamento di fotoepilazione è quando la nostra pelle è molto chiara, perché significa che la melanina si è sedimentata negli strati cutanei più profondi e non costituisce un fattore di pericolo di surriscaldamento per la nostra pelle. Ma ci si chiederà, quanto tempo sia necessario per riuscire ad eliminare una quantità soddisfacente di peli... Un ciclo completo di crescita dei peli si completa in circa 18 mesi, in alcuni casi si arriva a 24 mesi, durante i quali sarà necessario quindi svolgere le sedute. Una peculiarità della fotoepilazione è l’effetto di allungamento della fase Telogen, la fase di cessazione della attività vitale del pelo. Cosa significa questo per noi? Significa che dopo una seduta di fotoepilazione le papille generative non producono il pelo nei tempi classici di una ceretta, ma si addormentano per un arco di temp più lungo. Durante i primi trattamenti questo effetto è poco visibile, ma continuando con le sedute si nota che i peli ricrescono a distanza di 6 /10 settimane. Solo allora avrà senso sottoposti ad una nuova seduta, quando avremo la presenza dei peli che potranno, riscaldandosi, sclerotizzare la papilla generativa. Svolgere le sedute più frequentemente ha come risultato di migliorare l’effetto tra le sedute, ma non quello finale. Questo intervallo di sedute e pause darà come risultato una quantità di 6/8 o 10 sedute in 18 mesi. Sarà il corpo stesso ad indicarci i tempi giusti. La fotoepilazione è considerata un sistema di eliminazione permanente dei peli e non definitivo. Anche se sclerotizzate dal calore le papille generative possono essere nuovamente rinnovate dall’organismo che ha un enorme capacità di autoguarigione, o possono subentrare fattori ormonali dovuti all’età... Tutto ciò rende il trattamento permanente e non definitivo, tuttavia nell’insieme estremamente soddisfacente. Per il mantenimento del risultato saranno necessarie una o due sedute al bisogno negli anni successivi. Chiamaci al n° 0432 503529 e prenota una seduta di prova GRATUITA!

Scarica la promozione in atto. Non cumulabile con altre promozioni in corso.